Trovato l’accordo con la Grecia, la Macedonia ha cambiato nome



La Macedonia cambia nome e diventa Repubblica della Macedonia del nord. Lo hanno deciso il governo di Skopje e quello della Grecia per risolvere una disputa che si trascinava dai tempi della disgregazione della Jugoslavia.

Atene era contraria all’uso del nome Macedonia, temendo rivendicazioni territoriali sulla sua omonima regione settentrionale. Il governo greco aveva posto il veto alla richiesta del paese confinante di entrare nella Nato e nell’Unione europea.

Dopo l’annuncio dell’accordo sul cambio di nome, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha sottolineato che si apre la strada per l’ingresso della Macedonia del nord nell’Alleanza atlantica.

Il nuovo nome dovrà ora essere approvato con referendum dai cittadini macedoni e dal parlamento greco. In base all’accordo, la lingua ufficiale del paese sarà il macedone e i suoi abitanti saranno chiamati macedoni o cittadini della Repubblica della Macedonia del nord.

Il nuovo nome sarà utilizzato sia a livello internazionale sia a livello bilaterale. Le due parti avevano in precedenza abbandonato diverse alternative, tra cui Macedonia superiore e Nuova Macedonia.

La disputa durava da 27 anni, da quando nel 1991 la Jugoslavia si dissolse e nacquero le repubbliche indipendenti di Serbia e Vojvodina (regione autonoma), Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Croazia, Montenegro e Macedonia.

Quest’ultima confina con l’antica regione greca che porta lo stesso nome e in cui si trova la seconda città del paese, Salonicco. I governi greci che si sono succeduti negli anni hanno espresso il timore di possibili rivendicazioni territoriali da parte di Skopje.

Le preoccupazioni si sono intensificate quando l’aeroporto principale della capitale, Skopje, è stato intitolato all’antico eroe greco Alessandro Magno. Recentemente, in occasione dell’ultimo meeting di Davos, il primo ministro macedone Zaev aveva concesso all’omologo greco Tsipras di cambiare il nome dell’aeroporto.

Zaev aveva sottolineato che il provvedimento dimostrava che la Macedonia non aveva pretese irredentiste sulla regione greca confinante. Dall’altro lato, la Grecia si era detta pronta a fare concessioni per rendere le relazioni politiche amichevoli.

Piena soddisfazione della Nato per l’accordo raggiunto tra i due paesi. Il segretario generale Stoltenberg ha parlato di “accordo storico” dopo “anni di paziente diplomazia”. Secondo Stoltenberg, l’intesa “consoliderà la pace nei Balcani occidentali”.

fonte, TPI News



Qual è la tua reazione?
Like a boss Like a boss
0
Like a boss
Cosa?? Cosa??
1
Cosa??
Uh-uh Uh-uh
0
Uh-uh
Oddio Oddio
0
Oddio
Uh Uh
0
Uh
LOL LOL
1
LOL
Mmm Mmm
0
Mmm
OMG OMG
1
OMG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

log in

Entra a far parte di Quel che non sapevi!

resetta la tua password

Back to
log in
Choose A Format
Personality quiz
Trivia quiz
Poll
Story
List
Video
Audio
Image

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi