7 assurde teorie sui video delle canzoni: da oggi non li vedrai più con gli stessi occhi



Sono in tanti ad affermare che la musica di oggi non è più quella di una volta. Se prima le canzoni erano capaci di smuovere il mondo e diventare colonne sonore delle rivolte generazionali, adesso è già tanto se dopo un anno si sentono ancora per radio.

Ma una cosa non è cambiata, le teorie complottiste sulle canzoni, da Katy Perry a Rihanna, da Eminem a Taylor Swift, non perdetevene neanche una, sono incredibili.

Scorri in basso per scoprire le 7 canzoni oggetto di complotto!

Bon Appetit,Katy Perry

Il video di “Bon Appetit” è uno dei più ‘strani’ girati di recente. Katy è il “pasto” principale di uomini affamati ma la ciliegina sulla torta arriva solo alla fine: la cantante seduta ad un tavolo, con in mano coltello e forchetta, sta per iniziare a mangiare una torta con il ripieno di arto umano. Da qui la voce che questa canzone, insieme ad una presunta intervista in francese rilasciata dall’artista nel 2017, (” Molte persone a Hollywood preferiscono la carne umana ma si astengono dal mangiarla a causa dei cristiani schizzinosi”) sia la prova evidente che la cantante sia una cannibale. Ci credete?

 

RevivalEminem

Quando Eminem ha pubblicato la tracklist del suo ultimo lavoro,uscito alla fine del 2017, molti dei suoi fan erano turbati. La ragione? A loro non piacevano tutti gli artisti presenti nell’album, tra cui Beyonce, Ed Sheeran, Pink e Alicia Keys. E mancava l’artista che volevano, 2 Chainz. Ed allora un ammiratore su Reddit ha elaborato una strana teoria. Eminem sta realizzando un doppio album: Il primo con i successi pop, il secondo con le tracce più difficili, quelle che i fan si aspettano da Eminem. Il ragionamento dietro questa teoria? La parola “Revival” sulla tracklist è oscurata verso il basso da una spessa linea rossa e verrebbe visualizzata completamente solo dopo che uscirebbe la seconda tracklist. Risultato: Revival è uscito il 15 dicembre 2017, il disco contiene solo 19 tracce, non c’è nessun doppio album e  la parola dal doppio significato ha ancora una linea rossa che corre sul fondo della copertina.

Lupi, Selena Gomez

Quando Selena Gomez ha pubblicato la sua ultima canzone, “Wolves”, i fan hanno fatto dei singolari collegamenti con uno dei suoi video precedenti. In quello di “Bad Liar”, Selena indossa una divisa da basket con sopra la scritta “Lupi” ed i fan sono convinti che quella dicitura fosse un indizio del suo prossimo singolo.Tuttavia, ancor prima che la canzone uscisse, i fan hanno iniziato a speculare sul fatto che “Wolves” potesse riguardare la lotta di Selena con il lupus. Sottolineando che “lupo” in latino si scrive proprio lupus. E quando poi Selena ha condiviso su Instagram, nel settembre 2017, la riuscita dell’operazione (le è stato donato un rene) la teoria ha trovato conferme.

How long,Charlie Puth

Selena Gomez non si limita a suggestionare i propri fan, ma è anche protagonista delle teorie sui fan di altri artisti. Nel video “How Long”, Charlie Puth viene visto ballare per le strade di Los Angeles per poi fermarsi davanti il poster di una donna molto somigliante a Selena. E subito gli ammiratori di Charlie hanno diffuso la voce che la canzone fosse dedicata a lei, perché Puth avrebbe tradito Selena quando era fidanzati segretamente. Ma una precedente teoria sosteneva che la canzone parlava della scomoda separazione tra Puth e Bella Thorne.

Sia ‘Thrills economici’, Sia

“Cheap Thrills” è uno dei più grandi successi enigmatici di Sia. Ha realizzato due versioni diverse e due video. Il set del video degli anni ’50 ha dato vita ad una teoria dei fan molto particolare, i ballerini sarebbero in realtà viaggiatori del tempo. I passi di danza non esistevano ancora negli anni ’50, così come il robot della fine degli anni ’60, la Hustle degli anni ’70, la chitarra aerea (probabilmente degli anni ’80) e persino le mosse Beyonce “Single Ladies” della fine degli anni 2000.

This Is What You Came For, Calvin Harris e Rihanna

Quando è stato girato il video “This Is What You Came For”, molti fan hanno dubitato del fatto che fosse solo Rihanna a cantare. E così hanno scandagliato tutta la canzone: sulla traccia 1:18 del video i fan hanno scoperto che le parole “youuu yooooouuuu” sono cantate ma non dalla bella barbadiana, la sua bocca è immobile. Da qui la tesi che a cantare sia Taylor Swift. Inoltre su Wikipedia i crediti includono “Nils Sjoberg” come uno degli scrittori, che si dice sia uno degli pseudonimi di Taylor Swift. E poi il cantante John Newman ha incluso Swift in un tweet sulla canzone e lo ha rimosso poco dopo. Mistero!

 

Look what you me doo,Taylor Swift

Anche le canzoni di Taylor Swift non sono immuni dalle teorie complottista come il suo recente successo “Look What You Made Me Do.” La prima vuole che la frase“Don’t like your tilted stage” (“Non mi piace il tuo palcoscenico inclinato)” si riferisca a Kanye West che recentemente si è esibito su un palco inclinato. La seconda, con la frase ““I’ve got a list of names and yours is in red, underlined” (”Ho una lista di nomi e la tua è in rosso, sottolineata”) faccia invece riferimento alla sua vecchia faida con Kate Perry. Ed un’altra è ancora più surreale, Taylor non è in grado di rispondere al telefono perché è morta. Ma si basa su un fondamento giusto: on questo video l’artista ha seppellito il suo vecchio personaggio pubblico e si è tolta qualche sassolino dalla scarpa anche con la stampa.



Qual è la tua reazione?
Like a boss Like a boss
0
Like a boss
Cosa?? Cosa??
2
Cosa??
Uh-uh Uh-uh
2
Uh-uh
Oddio Oddio
0
Oddio
Uh Uh
1
Uh
LOL LOL
1
LOL
Mmm Mmm
0
Mmm
OMG OMG
0
OMG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

log in

Entra a far parte di Quel che non sapevi!

resetta la tua password

Back to
log in
Choose A Format
Personality quiz
Trivia quiz
Poll
Story
List
Video
Audio
Image

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi