Divorato da un parassita tropicale: 40enne era appena tornato dalla vacanza



Si trasforma in un incubo la vacanza per un 40enne di Treviso, rientrato a casa dopo un periodo di vacanza trascorso in Thailandia. L’uomo al rietnro si è sentito poco bene ed è stato ricoverato in ospedale. Ben presto è giunta l’insolita diagnosi, come riporta anche Il Gazzettino, si trattava ascesso del fegato da Ameba: un parassita che era entrato nel suo corpo attraverso il cibo contaminato mangiato in Thailandia.

Questo parassita è in grado di superare le barriere dell’intestino e colpire altri organi, anche vitali, con il conseguente rischio di mandarli in necrosi. Così è accaduto al 40enne che deve aver contratto il batterio mangiando cibo o acqua contaminate, infatti nelle aree tropicali questo tipo di malattie sono piuttosto comuni a causa del clima umido e delle scarse condizioni igieniche.

«Non ci sono preoccupazioni. Le sue condizioni sono buone e in costante miglioramento. Queste sono patologie che emergono raramente qui da noi. Ma vanno comunque sempre tenute in considerazione», ha dichiarato Pier Giorgio Scotton, primario dell’unità di Malattie infettive del Ca’ Foncello

L’Asl ha fatto sapere che non ci sono rischi di contagio, che nelle aree in cui vivono i pazienti sono state fatte opere di disinfestazione per le zanzare tigre: la malattia infatti non si trasmette da persona a persona ma tramite la puntura di insetti.



Qual è la tua reazione?
Like a boss Like a boss
0
Like a boss
Cosa?? Cosa??
1
Cosa??
Uh-uh Uh-uh
1
Uh-uh
Oddio Oddio
1
Oddio
Uh Uh
0
Uh
LOL LOL
0
LOL
Mmm Mmm
0
Mmm
OMG OMG
1
OMG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

log in

Entra a far parte di Quel che non sapevi!

resetta la tua password

Back to
log in
Choose A Format
Personality quiz
Trivia quiz
Poll
Story
List
Video
Audio
Image

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi